L'articolo è stato letto 875 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Bonus chef, la misura mai attuata è stata prorogata

La legge di conversione del decreto milleproroghe proroga il credito di imposta per le spese di beni durevoli e corsi di aggiornamento sostenute fino al 31 dicembre 2022 anzichè al 30 giugno 2021. Speriamo sia la volta buona, considerato che questo intervento introdotto con la legge di bilancio del 2021 non è mai stato attivato.

Il Bonus Chef è una misura introdotta dalla Legge di Bilancio 2021 (articolo 1, commi 117-123) al fine di sostenere il settore della ristorazione, anche in considerazione delle misure restrittive adottate a causa del COVID-19. La sua operatività era subordinata all'emanazione di un decreto che avrebbe dovuto essere emanato lo scorso anno. Con la legge di conversione del Decreto Milleproroghe viene "riproposta" la misura allungando i tempi di ammissibilità delle spese originariamente fisssati al 30 giugno 2021 oggi al 31 dicembre 2022. Restano invariate le risorse stanziate pari a un 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023. La misura che originariamente rientrava nel Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19 oggi sarà concessa nei limiti e nelle condizioni del Regolamento europeo sugli aiuti de minimis. Il credito di imposta è fruibile dai soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti, sia come lavoratore dipendente sia come lavoratore autonomo in possesso di partita IVA, anche nei casi in cui non siano in possesso del codice ATECO 5.2.2.1.0. Il bonus è

Accedi


2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua