L'articolo è stato letto 927 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Le colonnine di ricarica per auto elettriche: un esempio da casa Porsche

Anche le case automobilistiche si muovono in tal senso e un esempio arriva da Porsche. L'azienda tedesca ha già aperto alcune stazioni in Germania e anche in Italia.

L'Unione Europea e le nazioni che ne fanno parte hanno stabilito obiettivi ambiziosi in tema di installazione di colonnine di ricarica per auto elettriche, al fine di favorire l'uso di vetture meno inquinanti. Entro il 2030, secondo le intenzioni dei governi, ci dovranno essere 2,8 milioni di stazioni di rifornimento attrezzate in tutta Europa. In Italia si punta a creare 21.255 punti. Attualmente, nei 27 Paesi i punti per ricaricare i veicoli ad alimentazione elettrica ammontano a 260 mila. In questo contesto, le compagnie del settore in accordo con le istituzioni stanno lavorando per raggiungere i traguardi fissati. Si vuole avere una rete capillare perché gli automobilisti possano girare liberamente sul territorio europeo senza trovarsi in difficoltà con il rifornimento. Anche le case automobilistiche si muovono in tal senso e un esempio arriva da Porsche. L'azienda tedesca ha già aperto alcune stazioni in Germania e anche in Italia.

Porsche e le colonnine di ricarica per le vetture elettriche

Tra le case automobilistiche attive nello sviluppo di una rete di colonnine per la ricarica delle automobili elettriche spicca Porsche, che ha già diffuso una buon numero di apparati da 300 kW, prevedendo l'aumento di potenza a 400 kW. Il primo passo è stato compiuto a Francoforte, dove è stata aperta la prima "Porsche Charging Lounge", attiva 24 ore al giorno. Non è, però, l'unica azione intrapresa dal brand. Mentre la produzione e le normative, così come gli incentivi, si concentrano sempre più sull'elettrico in relazione alla limitazione delle emissioni inquinanti, l'azienda delle auto sportive di lusso ha cominciato a fare la propria parte. Oltre a utilizzare le batterie per l'alimentazione dei mezzi, Porsche ha avviato la creazione di punti di rifornimento per risolvere le problematiche relative alla ricarica, che contano ancora un numero insufficiente di stazioni.

Le lounge di Porsche per la ricarica anche in Italia

Il Gruppo Volkswagen sta investendo molto sulla transizione elettrica, a dimostrarlo sono le colonnine di ricarica installate, si tratta della rete Fast Charge di Ewiva, creata insieme a Enel X. La presenza sul territorio nazionale è ancora limitata e riferita ai maggiori centri, ma la casa di Stoccarda opera con l'obiettivo di ampliare l'infrastruttura e raggiungere in maniera più capillare le varie aree della penisola e delle isole. Si tratta di vere e proprie stazioni di servizi con più postazioni per collegare la vettura, tenendo conto delle caratteristiche specifiche dei vari modelli elettrici di Porsche. Le colonnine consentono una ricarica rapida per ridurre il tempo di sosta e velocizzare la ripartenza del mezzo.

Il design delle Charging Lounge di Porsche

Trattandosi di un marchio del lusso nel settore automobilistico, la casa tedesca ha voluto creare un ambiente adatto a donare agli automobilisti un'esperienza all'altezza. Il livello premium delle stazioni di ricarica è sinonimo di esclusività, come del resto tale aspetto caratterizza il marchio Porsche. Va precisato che tale attività si sposa perfettamente con l'obiettivo di raggiungere un traguardo importante: l'80% dei modelli venduti entro il 2030 dovrà essere elettrico. Per questa ragione, il brand ha scelto la via più prestigiosa, ovvero quella di realizzare autonomamente la rete di colonnine per ricaricare auto elettriche.

Le colonnine per la ricarica di Porsche con il salotto

Le aree messe a disposizione da Porsche si trovano sulle maggiori direttrici europee e sono studiate nei minimi dettagli, anche a livello di design, per rispecchiare le peculiarità del marchio di Stoccarda. Ciò si evince dal nome delle lounge, definite così proprio per affermare la distinzione rispetto alle colonnine ordinarie o ai vari punti di rifornimento presenti in Europa. Lo stile unico si unisce a una struttura a impatto zero. Ogni colonna per la ricarica ha una copertura ad hoc, con un tetto molto sottile collegato alla costruzione principale, proprio dove si trova la lounge in cui gli automobilisti possono attendere.

Ci sono grandi vetrate, un impianto con pompa di calore per rinfrescare o riscaldare il locale senza inquinare. L'energia elettrica, almeno parte di quella necessaria al funzionamento dell'edificio, deriva dai pannelli solari installati sul tetto. A disposizione dei clienti ci sono:

  • bagni di ultima generazione
  • cibi e bevande per uno spuntino
  • connessione WiFi veloce gratuita
  • uno specchio ideato per lo svolgimento di esercizi fisici utili a rilassare i muscoli per rimettersi in marcia meno affaticati

La ricarica veloce per auto elettriche

La potenza delle colonnine di ricarica è pari a 300 kW. Attualmente, nelle varie Charging Lounge sparse sul territorio si compongono di 6 colonne con corrente continua, a cui si aggiungono quattro punti per ricaricare la vettura a 22 kW con corrente alternata. L'apertura non ha limiti, si può utilizzare l'area in qualsiasi momento del giorno e della notte, anche nei festivi. L'energia si ottiene con l'uso di fonti rinnovabili, con la relativa certificazione. Chi deve fare il pieno, spende 33 centesimi di euro ogni kilowattora. Il servizio è all'avanguardia, ma è riservato unicamente ai clienti del brand.

Lo sviluppo della rete per la ricarica di Porsche

All'ingresso della cittadina tedesca di Bingen am Rhein, nelle vicinanze di Francoforte, proprio a breve distanza dallo svincolo dell'autostrada A60/A61 si trova la prima lounge realizzata da Porsche. Tutti i clienti che abitano o transitano in zona hanno modo di fermarsi per rifornire la vettura e rinfrescarsi o rifocillarsi. Lo stesso avviene in altre aree tra Germania e Italia, dove stanno nascendo le lounge del marchio del lusso di casa Volkswagen. Con il 2024 la rete si amplierà. Oltre a Germania e Italia, le Porsche Charging Lounge sorgeranno anche in Svizzera e Austria.

L'ampliamento dell'infrastruttura non è l'unico obiettivo, infatti, si pensa di portare le colonnine delle varie aree a 400 kW. Si tratta di un'attività attuata nei prossimi mesi per migliorare le prestazioni dei punti per il rifornimento energetico destinato alle vetture Porsche. In questo modo, si può velocizzare il processo di ripristino della batteria per affrontare il resto del viaggio. Chi possiede automobili di altre marche non può usufruire del servizio, tuttavia c'è una vasta infrastruttura di colonnine ricarica auto elettriche sull'intero territorio nazionale, lungo le autostrade, nelle città e anche nei centri più piccoli.

Chi ha una vettura Porsche può approfittare delle innovative stazioni di servizio. I possessori delle auto sportive devono utilizzare l'identificativo fornito dalla casa automobilistica per poter alzare la barriera posta all'entrata. Si tratta di un codice comunicato direttamente dal mezzo al lettore. Per questo motivo è necessario registrare la targa dell'automobile nel Porsche ID. Al riconoscimento, la sbarra si alza. Si può anche usare l'apposita carta rilasciata per le lounge del brand o un QR rintracciabile sull'applicazione MyPorsche.

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua