L'articolo è stato letto 411 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Esonero contributivo assunzioni donne: chiarimenti

L'Inps fornisce ulteriori chiarimenti sull’applicazione dello sgravio contributivo per l’assunzione di donne nel biennio 2021-2022, previsto della Legge di Bilancio 2021.  L'esonero è pari al 100% dei contributi previdenziali fino a 6mila euro all’anno, massimale ridotto per lavoro a tempo parziale.

L'art. 1 c. 16-19 della Legge di Bilancio ha modificato la misura dell'esonero contributivo per le assunzioni di donne lavoratrici effettuate nel biennio 2021-2022, introdotto dalla Legge Fornero, fermo restando il requisito dell’incremento occupazionale netto.  Con la circolare n. 32 del 22 febbraio 2021 l'Inps ha riportato prime indicazioni operative per usufruire dell'esonero che è riconosciuto nella misura del 100% nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui. ​Con il Messaggio n. 1421 del 6 aprile 2021, l'INPS ha fornito ulteriori chiarimenti ad integrazione di quanto già illustrato nella Circolare n. 32 del 22 febbraio 2021 precisando che: il requisito dello "svantaggio" della lavoratrice deve ricorrere alla data dell'evento per il quale si intende richiedere il beneficio. Di conseguenza, se si intende richiedere il beneficio per un'assunzione a tempo determinato, il requisito in questione deve esistere alla data di assunzione e non a quella dell'eventuale proroga o trasformazione del rapporto a tempo indeterminato. Invece, qualora si intenda richiedere il beneficio per una trasformazione a tempo indeterminato, senza avere richiesto l'incentivo per la precedente assunzione

Accedi


2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua