L'articolo è stato letto 459 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Credito d'imposta per tessile e moda: attività ammesse

Individuati i codici Ateco che hanno diritto al credito d’imposta per sostenere le imprese del settore tessile, moda e accessori che, a causa dell’emergenza Covid, hanno registrato un aumento delle rimanenze finali.

Pubblicato il Decreto contenente l’elenco dei Codici Ateco delle imprese che hanno diritto al credito d’imposta del 30% in favore del settore del tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria. Per rendere operativo l'intervento agevolativo manca l'emanazione del provvedimento dell’Agenzia delle entrate che definirà i termini e le modalità per usufruire dell’agevolazione.  Il Decreto Sostegni bis ha esteso anche al 2021 il bonus sotto forma di credito d’imposta per contenere gli effetti negativi della pandemia da Covid-19 sulle rimanenze finali di magazzino nei settori tessile, moda e accessori. Ricordiamo che tale intevento, introdotto dal Decreto Rilancio, non è mai divenuto operativo a causa della mancata pubblicazione del decreto interministeriale attuativo. Il credito d’imposta è riconosciuto fino all’esaurimento delle risorse. Inizialmente il tetto era stato fissato a 45 milioni di euro. Con il Decreto Sostegni bis sono stati stanziati 95 milioni di euro per l’anno 2021 e 150 milioni di euro per l’anno 2022. Il Decreto Sostegni bis apporta le seguenti modifiche all’originaria disciplina

Accedi


2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua