L'articolo è stato letto 779 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Assistenza domiciliare, boom richieste personale vaccinato

Oggi la percentuale di richieste di risorse vaccinate sfiora il 95% del totale. Sant'Anna 1984 pronta a fornire personale vaccinato per l’assistenza domiciliare.

Tra le tante implicazioni causate dall’emergenza Covid-19 vi è anche la richiesta di personale vaccinato per l’assistenza domiciliare a persone malate o anziane, in modo da limitare i rischi di contagio per una categoria particolarmente fragile ed esposta. Una richiesta che, in Italia, riguarda circa 100.000 badanti.

Già da tempo le associazioni dei datori di lavoro domestico chiedevano vaccino e obbligo di esibire la certificazione per chi si occupa della cura degli altri. Un ambito in cui, tra l’altro, circa il 70% dei lavoratori è straniero, e proveniente da Paesi nei quali la copertura vaccinale è inferiore rispetto all’Italia, e in cui è diffuso il lavoro sommerso.

Secondo Domina (Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico) nelle case degli italiani ci sono almeno 600mila lavoratori domestici senza green pass, mentre per Assindatcolf (Associazione Sindacale Nazionale dei datori di lavoro domestico) tale cifra sale addirittura a un milione, circa la metà delle persone impiegate in totale tra regolari e irregolari.

Un vero e proprio "esercito di persone" che dal 15 ottobre, in base al Decreto Legge n. 127 che introduce l'obbligo di esibire il green pass per accedere a tutti i luoghi di lavoro, se non si vaccineranno potrebbero essere sospese dalla loro attività, lasciando di conseguenza moltissime famiglie senza l’aiuto di cui hanno bisogno a casa per assistere i propri anziani o malati.

Per andare incontro a tale esigenza, e per evitare il proliferare di lavoro non conforme alle normative a causa delle difficoltà in cui le famiglie si troverebbero, Sant’Anna 1984, Cooperativa Sociale di Roma leader nell’assistenza domiciliare con all’attivo circa 200 collaboratori, è pronta a fornire a chi ne ha necessità personale qualificato e vaccinato.

"Noi di Sant'Anna siamo sempre stati molto sensibili al tema Covid, abbiamo sempre seguito alla lettera tutte le normative imposte dallo Stato, così da poter rasserenare i nostri assistiti e mettere nelle migliori condizioni tutte le nostre risorse. Da quando è stato trovato il vaccino abbiamo iniziato a ricevere molte richieste di risorse vaccinate; all’inizio, 6 mesi fa, tali richieste rappresentavano il 30% del totale, oggi la percentuale sfiora il 95%", spiega Alessandro Luisi, Direttore Commerciale di Sant'Anna 1984, che nel suo ruolo ha il polso diretto dei dubbi e delle preoccupazioni delle famiglie che si rivolgono alla Cooperativa.

"Il nostro servizio è reso principalmente a persone di una certa età (70-100 anni) e sappiamo perfettamente che il Covid ha colpito, e colpisce ancora, soprattutto loro. Quindi è logico che un parente che oggi chiede un servizio di assistenza domiciliare per un proprio caro pretenda un operatore assistenziale munito del vaccino Anticovid", aggiunge. "Poiché dal 15 ottobre 2021 tutte queste famiglie avranno la possibilità di sospendere la risorsa non vaccinata, noi di Sant'Anna, che siamo in grado di offrire un servizio di assistenza domiciliare di livello altissimo, mediante risorse vaccinate, riceviamo molteplici richieste tutti i giorni della settimana".

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua