L'articolo è stato letto 1565 volte
Comunitario • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Aiuti Covid: proroga, novità e autodichiarazione

Il quadro temporaneo per gli aiuti Covid viene prorogato fino al 30 giugno 2022. Introdotte, inoltre, due nuove misure: incentivi per investimenti ​​e sostegno alla solvibilità orientati al futuro. In arrivo dall'Agenzia delle Entrate il modello per autocertificare aiuti ricevuti e calo di fatturato.  

La Commissione europea ha deciso di prorogare fino al 30 giugno 2022 il quadro temporaneo per gli aiuti di Stato (la cui scadenza era prevista per il 31 dicembre 2021), apportando le seguenti modifiche.

Di seguito le principali novità:

  • adeguamento massimali di aiuto:
    • i massimali della Sezione 3.1 sono aumentati a 2,3 milioni di euro e quelli della Sezione 3.12 a 12 milioni di euro, sempre in riferimento al gruppo aziendale inteso come "impresa unica”;
    • per verificare il rispetto dei massimali stabiliti, è necessario far riferimento alla data il cui il credito d’imposta, il contributo a fondo perduto o qualsiasi altra agevolazione è stata messa a disposizione del beneficiario, ovvero:
      • data di approvazione della domanda di aiuto;
      • data di presentazione della dichiarazione dei redditi o la data di approvazione della compensazione in relazione ai crediti d’imposta;
      • data di entrata in vigore della normativa di riferimento in tutti gli altri casi.
  • introdotta la nuova sezione 3.13 per il sostegno agli investimenti per una ripresa sostenibile.
    • l’aiuto può agevolare solo i costi degli investimenti in attività materiali e immateriali (i costi relativi all'acquisto di terreni possono essere inclusi solo nella misura in cui sono parte di un investimento per la produzione di beni o la prestazione di servizi) e sono esclusi investimenti finanziari. L'intensità di aiuto non può superare il 15% dei costi ammissibili per investimento. Sono previste maggiorazioni del 20% per le piccole imprese e del 10% per le medie imprese. L'intensità di aiuto può essere inoltre elevata per le imprese con sede nei territori compresi nella Carta degli aiuti a finalità regionale in vigore al momento della concessione dell'aiuto nella zona interessata. L'importo complessivo dell'aiuto concesso non può supera € 10 milioni per impresa. Questa sezione è a disposizione degli Stati membri fino al 31 dicembre 2022;
  • introdotta la nuova sezione 3.14 dedicata a misure di sostegno alla solvibilità per mobilitare fondi privati e renderli disponibili per investimenti nelle piccole e medie imprese e nelle piccole imprese a media capitalizzazione.
    • gli Stati membri possono concedere garanzie a intermediari finanziari privati su investimenti di portafoglio, effettuati tramite fondi di investimento, nella forma di partecipazioni, debito subordinato o altre forme di quasi-equity, comprese le partecipazioni senza diritto di voto o i prestiti partecipativi. L’aiuto può essere concesso sotto forma di garanzie di durata fino a otto anni, indipendentemente dallo strumento sottostante. In caso di garanzie sugli strumenti di debito, la durata non deve superare la scadenza dello strumento di debito sottostante. L'importo totale dei finanziamenti concessi coperti dalla garanzia non supera € 10 milioni per impresa. Questo strumento è a disposizione degli Stati membri fino al 31 dicembre 2023.

Contestualmente alla proroga il Ministero dell’Economia e delle finanze ha definito le modalità operative per la presentazione di una apposita autocertificazione al fine di verificare i limiti massimi di aiuto fruibili in base alle disposizioni UE e il calo di fatturato. Con provvedimento dell'Agenzia delle Entrate saranno individuati i termini, il contenuto e la modalità dell'autodichiarazione.

massimali relativi agli aiuti da non superare sono:

  • Sezione 3.1 – Aiuti di importo limitato
    • ricevuti dal 19 marzo 2020 al 27 gennaio 2021: non possono superare gli 800mila euro, cifra che scende a 100mila euro per il settore agricolo e a 120mila euro per pesca e acquacoltura
    • ricevuti dal 28 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021: non possono superare gli 1.8milioni euro, cifra che scende a 225mila euro per il settore agricolo e a 270mila euro per pesca e acquacoltura
  • Sezione 3.12 – Sostegno a costi fissi non coperti
    • ricevuti dal 13 ottobre 2020 al 27 gennaio 2021: non possono superare i 3milioni euro
    • ricevuti dal 28 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021: non possono superare i 10milioni euro
Il calo di fatturato da indicare:
  • periodo compreso tra il 1° marzo 2020 e il 31 dicembre 2021: l'ammontare complessivo del fatturato e dei corrispettivi registrati deve risultare inferiore di almeno il 30% rispetto al corrispondente periodo del 2019 e che l'importo dell'aiuto richiesto non supera il 70% (90% per le micro e piccole imprese) dei costi fissi non coperti sostenuti nel predetto periodo di riferimento.

 

 

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua