L'articolo è stato letto 1712 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Amianto e diritto a pensione

Dalla Corte di Appello di Catania sentenza storica anche per i lavoratori di Liguria, Piemonte e Lombardia

Importante pronuncia della Corte di Appello di Catania, relativa ai lavoratori del Petrolchimico di Priolo, ma applicabile per tutta Italia. La storia è quella del Sig. Francesco Castorina che ha ottenuto il pre-pensionamento, grazie all’iniziativa dell’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto. Anche alla luce della più recente giurisprudenza, proprio i cosiddetti benefici contributivi per esposizione ad amianto costituiscono il presupposto fondamentale per poter accedere al pre-pensionamento.

La Corte d'Appello di Catania ha riconosciuto la rivalutazione contributiva dei benefici amianto a favore di Castorina, un ex lavoratore addetto alla manutenzione del polo petrolchimico di Priolo-Augusta. L'esposizione era stata confermata da diverse perizie del CTU, ma l'INPS continuava a negarla, ostacolando e rallentando il prepensionamento del lavoratore. A difenderlo, il presidente dell'osservatorio nazionale amianto (ona) l'avv. Ezio Bonanni.

Castorina, originario di Catania, ha lavorato come addetto alla manutenzione allo stabilimento del Polo Petrolchimico di Priolo-Augusta dal 1984 al 2019. In quegli anni l'Amianto era un materiale comunemente utilizzato, impiegato in varie parti degli impianti industriali. Di conseguenza, l’uomo aveva respirato le fibre killer aerodisperse nell’ambiente, senza per altro essere tutelato adeguatamente. Quanto alle bonifiche, è emerso che furono eseguite ben oltre l’entrata in vigore della Legge n. 257/1992, che prevedeva la tutela dei lavoratori esposti all’asbesto.

L’effetto fondamentale delle fibre di amianto è di determinare l’infiammazione e poi il cancro. La forma più aggressiva è il Mesotelioma pleurico, che incide in modo particolare oltre che tra i lavoratori del petrolchimico di Priolo anche nei cantieri navali di La Spezia e di Genova e negli stabilimenti del Piemonte e della Lombardia.  Ed è stata proprio la questione della durata dell’esposizione oltre il 1992, l’oggetto principale del braccio di ferro. Castorina aveva avanzato la richiesta per il riconoscimento dell’esposizione ai fini dei benefici pensionistici, ma l’INPS continuava a negarli nell’intento di vanificare il diritto al prepensionamento (cosa effettivamente accaduta, tanto che l’uomo è andato in pensione con “Quota 100”, percependo una rendita inferiore).

Nel 2020, il giudice del lavoro del Tribunale di Siracusa, respingendo le obiezioni sollevate dall'INPS, aveva riconosciuto il suo diritto alla rivalutazione contributiva. L’INPS aveva tuttavia contestato la sentenza e la vicenda è proseguita in Appello. Nel corso dell’udienza del 22 febbraio 2024, al Tribunale di Catania, la perizia del CTU ha confermato che Francesco Castorina era stato esposto all'amianto fino a tutto il 1995. Pertanto, il 21 marzo 2024, la Corte d’Appello di Catania ha riconosciuto il diritto alla rivalutazione contributiva, consentendogli di ottenere la compensazione che meritatamente gli spettava per gli anni di lavoro a contatto con la “fibra killer”.

«La decisione del Tribunale conferma quanto da noi sempre sostenuto: Francesco Castorina ha diritto alla rivalutazione contributiva per il periodo in cui è stato esposto all'amianto durante il suo lavoro presso lo stabilimento petrolchimico di Priolo-Augusta. Continueremo a lottare per garantire giustizia e equità per tutti i lavoratori che si trovano in situazioni simili. La nostra speranza è che questa sentenza possa servire da precedente importante per futuri casi simili, promuovendo una maggiore consapevolezza e tutela della salute e sicurezza sul lavoro», conclude Bonanni. «Tutti i lavoratori che hanno prestato servizio al Polo Petrolchimico dovrebbero vedere riconosciuti i benefici amianto, almeno quelli esposti fino al 2000. Anche perché non tutte le aziende hanno effettivamente fornito i dpi (strumenti di protezione individuale n.d.r). È assurdo dover ricorre alle vie legali e sottostare a lungaggini burocratiche per ottenere giustizia», conclude Castorina. L’Osservatorio Nazionale Amianto ONA è impegnato nella tutela delle vittime di amianto, dei loro familiari e di tutti i lavoratori esposti con un servizio di consulenza tramite il sito: www.osservatorioamianto.it, o il numero verde 800 034 294.

 

 

Fonte: Osservatorio Nazionale Amianto

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua