L'articolo è stato letto 2043 volte
Nazionale • Italia, Campania

facebook
twitter
0
linkedin share button

Giordano Guerrieri: lo sblocco della Terza Rata del PNRR è un Passo Fondamentale per il Futuro dell'Italia

L'accordo raggiunto tra il Governo italiano e Bruxelles per sbloccare la terza tranche di finanziamenti, del valore di 19 miliardi di euro, è una mossa strategica che getta le basi per un futuro promettente per l'Italia e il Piano europeo nel suo complesso, ne è convinto Giordano Guerrieri, amministratore delegato di Finera, azienda specializzata in finanza aziendale per piccole e medie imprese che supporta le PMI ad accedere a bandi e contributi.

Il Governo italiano dimostra un impegno saldo nel garantire i finanziamenti destinati al nostro Paese, e lo sblocco della terza rata del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ne è una prova tangibile. L'accordo raggiunto tra il Governo italiano e Bruxelles per sbloccare la terza tranche di finanziamenti, del valore di 19 miliardi di euro, è una mossa strategica che getta le basi per un futuro promettente per l'Italia e il Piano europeo nel suo complesso”, ha dichiarato Giordano Guerrieri, amministratore delegato di Finera, azienda specializzata in finanza aziendale per piccole e medie imprese che supporta le PMI ad accedere a bandi e contributi.

Guerrieri ha commentato sull'importanza di questo sviluppo: "Lo sblocco della terza rata del PNRR è un segnale positivo e mostra un forte impegno da parte del Governo italiano nel garantire che l'Italia riceva i fondi necessari per la ripresa economica. È un risultato importante ottenuto grazie a una collaborazione costruttiva tra il nostro Paese e la Commissione Europea”.

L'attuazione del PNRR ha affrontato diverse sfide, ma il Governo italiano ha dimostrato efficienza e proattività nell'individuare soluzioni per superarle. I ritardi accumulati nel raggiungimento di alcuni obiettivi previsti dal Piano hanno causato l'interruzione temporanea dei finanziamenti della terza rata. Tuttavia, grazie all'impegno del Ministro Raffaele Fitto e al supporto della Commissione Europea, è stata trovata una soluzione innovativa. Il target quantitativo dei 7.500 posti letto per studenti, che doveva essere completato entro il 31 dicembre 2022, è stato trasformato in una milestone qualitativa. Questa modifica consente all'Italia di avviare le assegnazioni per completare l'obiettivo di 60.000 letti entro il 2026, aprendo la strada allo sblocco della terza tranche di finanziamenti.

"L'accordo raggiunto è una dimostrazione della determinazione del Governo italiano nel fare fronte alle sfide e garantire che l'Italia possa accedere ai fondi necessari per realizzare i progetti del PNRR”, ha affermato Giordano Guerrieri. "È una vittoria importante per il nostro Paese e ci permetterà di progredire verso una ripresa economica più solida e sostenibile”.

Un aspetto cruciale di questo accordo è che, nonostante i ritardi accumulati, i finanziamenti non andranno persi, ma saranno semplicemente dilazionati. L'Italia riceverà, quindi, la somma prevista di circa 35 miliardi di euro destinati per il 2023. La terza rata del PNRR prevede 54 obiettivi per un valore di 18,5 miliardi di euro, mentre la quarta rata comprenderà 28 obiettivi, per un valore di 16,5 miliardi. Complessivamente, l'Italia riceverà queste importanti risorse entro la fine dell'anno, promuovendo lo sviluppo socio-economico del Paese.

Il commissario europeo all'economia, Paolo Gentiloni, ha elogiato il lavoro costruttivo tra Roma e Bruxelles, sottolineando che la ricezione tempestiva della terza rata è un passo fondamentale che getta le basi per il prossimo obiettivo: ottenere anche il rimborso della quarta rata. Tuttavia, per raggiungere tale traguardo, sarà fondamentale affrontare le sfide legate alla burocrazia e garantire un impegno costante nel rispettare gli obiettivi del Piano.

Il PNRR rappresenta una missione comunitaria, e quindi, l'importanza della ricezione dei fondi per il nostro Paese è indiscutibile. Questo accordo ha sottolineato l'importanza della collaborazione tra l'Italia e l'Unione Europea per superare gli ostacoli e garantire un futuro prospero.

Lo sblocco della terza rata del PNRR è un segno di forte impegno da parte del Governo italiano nel garantire i finanziamenti destinati alla ripresa economica del nostro Paese. Grazie a una collaborazione costruttiva tra l'Italia e la Commissione Europea, sono state individuate soluzioni innovative per superare gli ostacoli e raggiungere traguardi tangibili. Con l'ottenimento dei finanziamenti, l'Italia prosegue sulla strada per costruire un futuro più resiliente e sostenibile”, conclude Guerrieri.

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua