L'articolo è stato letto 290 volte

facebook
twitter
0
linkedin share button

Dote Unica Lavoro ai lavoratori privi di partita IVA: proroga

Slittano i termini per accedere al contributo una tantum pari a € 1.000 lordi a titolo di indennità di partecipazione al percorso formativo finalizzato alla ricerca di un nuovo lavoro o di riqualificazione.

La Regione Lombardia ha prorogato i termini per accedere alla misura Dote Unica Lavoro – Quarta fase ai Lavoratori autonomi privi di partita IVA particolarmente colpiti dalle restrizioni imposte dal contenimento del contagio del Covid-19. La dotazione finanziaria complessiva iniziale è di € 10.000.000,00. Possono accedere a questo intervento i soggetti in possesso dei seguenti requisiti: con età compresa tra 15 e 65 anni esclusivamente residenti in Lombardia lavoratori parasubordinati con contratto di collaborazione coordinata e continuativa scritti alla Gestione separata o non iscritti alla Gestione separata in quanto esonerati lavoratori privi di partita IVA Le agevolazioni consistono nell’erogazione di un contributo una tantum pari a € 1.000 lordi a titolo di indennità di partecipazione, a fronte della fruizione di un percorso nell’ambito di Dote Unica Lavoro. Il contributo è assimilabile al reddito da lavoro dipendente, pertanto sarà erogato al netto delle trattenute fiscali. Per accedere alla misura, sono previste due fasi: Fase 1 - presentazione della domanda di Dote Unica Lavoro (dall’ 11 dicembre 2020 fino alle ore 12 del 15 luglio 2021) presso unoperatore accreditato al

Accedi


2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua