L'articolo è stato letto 1929 volte

facebook
twitter
0
linkedin share button

Cluster in Sicilia: contributi a sostegno dei processi di aggregazione di imprese

Contributi per sostenere investimenti materiali ed immateriali a beneficio del tessuto produttivo dei singoli distretti, favorendo lo sviluppo di Poli di specializzazione e sostenendo processi di aggregazione di imprese. Il contributo a fondo perduto concedibile è pari al 90% del costo totale ammissibile del programma di spesa fissato in € 1.800.000,00.

Dalle ore 10:00 del 5 maggio 2022 sino alle ore 17:00 del 20 maggio 2022 apre lo sportello per accedere all'avviso Cluster in Sicilia. Il bando emanato in attuazione dell’azione 1.3.1 “Sostegno alla competitività delle imprese siciliane a valere sul POC Sicilia 2014/2020 e sull’anticipazione FSC 2021/2027”, in favore dei consorzi/società consortili/cooperative/reti di impresa già costituiti o di nuova costituzione alla data di presentazione della domanda, collocati all’interno dei Distretti produttivi siciliani.

Il Bando "Cluster in Sicilia” intende agevolare, in Sicilia, il potenziamento dei distretti produttivi, valorizzando la capacità di aggregazione. Le agevolazioni, in forma di contributo a fondo perduto, sono finalizzate a sostenere e valorizzare le progettualità strategiche espresse, in Sicilia, dal “Patto di sviluppo distrettuale” promosse dai singoli distretti produttivi. Attraverso tale azione si intende sostenere investimenti materiali ed immateriali a beneficio del tessuto produttivo dei singoli distretti, favorendo lo sviluppo di Poli di specializzazione e sostenendo processi di aggregazione di imprese.

 

Possono presentare domanda i consorzi/società consortili/cooperative/reti d’impresa già costituiti o di nuova costituzione alla data di presentazione della domanda, collocati all’interno dei Distretti produttivi siciliani. Il consorzio/società consortile/cooperativa/rete d’impresa, di ciascun distretto, dovrà essere partecipato per almeno il 30% dalle imprese aderenti al Patto dello Sviluppo Distrettuale.

Distretti produttivi siciliani sono:

  • Distretto delle Ceramiche made in Sicily (Palermo)
  • Distretto del marmo di Sicilia a Custonaci (Tp)
  • Distretto del vino di Sicilia e quello Dolce Sicilia (Palermo)
  • Distretto del Dolce Sicilia (Palermo)
  • Distretto olio extravergine di oliva siciliano Castelvetrano (Tp)
  • Distretto olive da tavola siciliane Castelvetrano (Tp)
  • Distretto laniero siciliano a Cammarata (Ag)
  • Distretto Luxury hospitality (Palermo)
  • Distretto Sicilia 5.0 (Catania)
  • Distretto Sicily Valley (Catania)
  • Distretto Agrumi di Sicilia (Catania)
  • Distretto del Ficodindia di Sicilia (San Michele di Ganzaria)
  • Distretto della pietra lavica (Belpasso)
  • Distretto Meccatronica (Palermo)
  • Moda Mythos (Palermo)
  • Distretto nautico del Mediterraneo (Mazara del Vallo)
  • Distretto Pesca e Crescita Blu (Mazara del Vallo)
  • Distretto orticolo sud-est Sicilia (Ragusa)
  • Distretto Lattiero Caseario (Ragusa)
  • Distretto Ecodomus (Licata)
  • Distretto Frutta secca di Sicilia (Mazzarino)
  • Distretto Filiera delle Carni (Messina)
  • Distretto ortofrutticolo di qualità (Siracusa)
  • Distretto Sicilia: Terre del Florovivaismo (Messina)

 

Sono agevolabili programmi di spesa volti a:

 

  • rafforzare la cooperazione tra imprese;
  • realizzare iniziative di promozione e commercializzazione dei prodotti, attraverso azioni di marketing e creazione di marchi;
  • concentrare l’offerta in una logica di filiera, al fine di ridurre costi di produzione;
  • garantire la tracciabilità dei prodotti e aumentare il livello qualitativo delle produzioni;
  • introdurre competenze specialistiche

 

Il costo totale ammissibile per ciascun progetto non deve essere inferiore ad € 200.000,00 e superiore ad € 1.800.000,00. Il contributo a fondo perduto concedibile è pari al 90% del costo totale ammissibile del programma di spesa.

Il progetto deve prevedere la realizzazione di almeno due tra le seguenti azioni:

  • investimenti per la cooperazione tra le imprese del Patto di sviluppo distrettuale (infrastrutture digitali, modelli di business di cluster, etc) e la governance del cluster (management di cluster, export manager,etc.);
  • investimenti per piattaforme logistiche e servizi specialistici annessi;
  • investimenti di marketing, per azioni commerciali (piani di marketing, portale web, servizi specialistici annessi) e per attività di internazionalizzazione;
  • creazione/sviluppo marchi;
  • spese per la certificazione di qualità;
  • sistemi di tracciabilità della filiera mediante blockchain.

Le spese ammissibili al contributo sono le seguenti:

  • opere murarie e spese di ristrutturazioni con relativi oneri di progettazione (incluso DL) nel limite massimo del 30% dell’importo totale di Progetto;
  • macchinari, impianti e attrezzature;
  • consulenza specialistica (nella misura massima del 5% del valore del programma di spesa e formazione strategica e qualificata;
  • software, brevetti e licenze;
  • tecnologie per la connettività;
  • sistemi di e-commerce, digital marketing, soluzioni tecnologiche;
  • spese generali (7% del valore complessivo del programma di spesa). Tali spese sono riconosciute su base forfettaria.

 

 

 

Fonte: Decreto 27 aprile 2022, n. 472, Regione Sicilia

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua