L'articolo è stato letto 674 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Incentivi per l'autotrasporto: rinnovo mezzi

Modificati i termini per accedere ai contributi destinati alle imprese di autotrasporto merci per conto di terzi per acquisizione di veicoli ecologici, di dispositivi innovativi che garantiscono sicurezza e risparmio energetico nonché di rimorchi e semirimorchi per il trasporto combinato strada-mare e strada-ferrovia e per il trasporto a temperatura controllata.

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili ha pubblicato il Decreto 12 aprile 2022, n. 155 con il quale vengono apportate modifiche sia ai termini per la presentazione delle domande che per la rendicontazione degli investimenti di cui al D.M. 18 novembre 2021, n. 459 che prevede la concessione di contributi per adeguare il parco veicolare in senso maggiormente eco sostenibile, valorizzando l'eliminazione dal mercato dei veicoli più obsoleti.

Le risorse finanziarie, complessivamente allocate ammontano ad € 50.000.000 ripartite nel biennio 2021-2022.

Sono incentivati gli acquisti effettuati dal 16 dicembre 2021 di veicoli ecologici, di dispositivi innovativi che garantiscono sicurezza e risparmio energetico nonché di rimorchi e semirimorchi per il trasporto combinato strada-mare e strada-ferrovia e per il trasporto a temperatura controllata.

I contributi possono essere richiesti dalle imprese di autotrasporto di cose per conto di terzi, iscritte al Registro elettronico nazionale (R.E.N.), e all'Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi, la cui attività prevalente sia quella di autotrasporto di cose.

Le tipologie di intervento ammissibili e l'entità di contributo concedile sono: 

Tipologia di investimento

Caratteristiche

Limite di Finanziamento

Autoveicoli a trazione alter­nativa a metano CNG

Autoveicoli a trazione alter­nativa ibrida (diesel/elet­trico)

Superiori a 3,5 e fino a 7 tonn

4.000 euro

Superiore a 7 e fino a 16 tonn

9.000 euro

Pari e superiori a 16 tonn

24.000 euro

Autoveicoli a trazione alter­nativa a gas naturale lique­fatto LNG

Pari e superiori a 16 tonn

24.000 euro

Autoveicoli full electric

 

 

Superiori a 3,5 e fino a 7 tonn

14.000 euro

Superiori a 7 tonn

24.000 euro

MaggiorazioniPer tutte le suindicate tipologie di investimenti è previsto un contributo aggiun­tivo di 1.000 euro nel caso siano rottamati dei veicoli

Dispositivi per riconversione a trazione elettrica Superiori a 3,5 tonn 40% del costo Tetto massimo: 2.000 euro
Autoveicoli Euro VI con con­testuale rottamazione di vei­colo di peso pari o superiore a 7 tonn Superiore a 7 e fino a 16 tonn 7.000 euro
Superiori a 16 tonn 15.000 euro
Autoveicoli Euro VI-D Final ed Euro VI con contestuale rot­tamazione di mezzo con ana­loga massa Pari o superiori a 3,5 e infe­riore a 7 tonn 3.000 euro
Rimorchi e semirimorchi per trasporto combinato ferrovia­rio e marittimo

Combinato ferroviario: con­formità normativa UIC 596-5

Combinato marittimo: pre­senza di ganci nave rispon­denti alla normativa IMO Presenza di almeno un dispo­sitivo innovativo (*)

Medie Imprese: 10% del costo Tetto massimo di 5.000 euro

Piccole Imprese: 20% del costo Tetto massimo di 5.000 euro Grandi Imprese: 3.000 euro

Rimorchi e semirimorchi o equipaggiamenti per autovei­coli specifici superiori a 7 tonn allestiti per trasporti ATP mono o multi tempera­tura

Sostituzione delle unità frigo­rifere per adeguamento stan­dard ambientali

Unità frigorifere/calorifere ali­mentate da motore conforme alla fase V del Reg. UE n.2016/1628 o da unità crio­geniche autonome non colle­gate al motore oppure da unità elettriche funzionanti con alternatore. Il gas refri­gerante deve essere con un GWP inferiore a 2.500

Maggiorazioni: Nel caso in cui le imprese abbiano rottamato rimorchi e semirimorchi obsoleti con­testualmente all'acquisto dei suesposti rimorchi e semirimorchi il contributo sale a 7.000 euro per piccole e medie imprese ed imprese a 5.000 euro per le grandi im­prese.

(*) I dispositivi innovativi sono: spoiler laterali, appendici aerodinamiche posteriori, dispositivi elettronici gestiti da centraline EBS per la distribuzione del carico sugli assali in casi di carichi parziali o non uniformemente distribuiti, TPMS o TPTMS o TPAIMS, sistemi elettronici di ottimizzazione del consumo di aria dell’impianto pneumatico abbinato al sistema di ausilio di sterzata, telematica indipendente collegata all’EBS, dispositivi elettronici gestiti da centraline EBS per ausilio in sterzata, sistemi elettronici di controllo dell’usura delle pastiglie freno, sistemi elettronici di controllo dell’altezza del tetto veicolo, dispositivi elettronici gestiti da centraline EBS per monitoraggio dell’inclinazione laterale del rimorchio o semirimorchio durante le fasi di scarico


L'importo massimo di contributo, onnicomprensivo delle eventuali maggiorazioni, che ogni singola impresa può ottenere è fissato in € 550.000.

I veicoli acquisiti con il contributo non possono essere alienati, concessi in locazione o in noleggio e devono rimanere nella piena disponibilità del beneficiario del contributo entro il triennio decorrente dalla data di erogazione del contributo.

L'ammissione ai contributi è articolata in due fasi distinte:

  • a) la fase di prenotazione, finalizzata ad accantonare, ad opera del soggetto gestore, l’importo astrattamente spettante alle singole imprese richiedenti l’incentivo sulla sola base del contratto di acquisizione del bene oggetto dell’investimento da allegarsi al momento della proposizione della domanda.
    • Le domande di prenotazione:
      • potranno essere inviate, tramite PEC, all’indirizzo ram.investimentielevatasostenibilita@legalmail.it, nel corso di apertura delle seguenti finestre temporali:
        • primo sportello: a partire dalle ore 10:00 del 2 maggio 2022 e fino e non oltre le ore 16:00 del 10 giugno 2022 esclusivamente tramite posta elettronica certificata dell’impresa richiedente e indirizzata a ram.investimenti2022@legalmail.it
        • secondo sportello: a partire dalle ore 10:00 del 3 ottobre 2022 e fino e non oltre le ore 16:00 del 16 novembre 2022 esclusivamente tramite posta elettronica certificata dell’impresa richiedente e indirizzata a ram.investimenti2022@legalmail.it
      • dovranno contenere:
        • a) modello di istanza debitamente compilato, attraverso apposito modello informatico, in tutte le sue parti e firmato con firma digitale dal legale rappresentante o procuratore dell’impresa. Il modello informatico di tipo “pdf editabile” dovrà essere compilato e salvato senza ulteriore scansione e potrà essere reperito al sito web del soggetto gestore al seguente indirizzo: http://www.ramspa.it/contributi-gli-investimenti-viii-edizione. Al suddetto indirizzo web sarà altresì possibile ottenere tutte le informazioni tecniche, utili per la compilazione del suddetto modello;
        • b) copia del documento di riconoscimento in corso di validità del legale rappresentante o procuratore dell’impresa;
        • c) copia del contratto di acquisizione dei beni oggetto d’incentivazione, comprovante quanto dichiarato nel modello di istanza, avente data successiva a quella di entrata in vigore del D.M. 18 novembre 2021, n. 459 (ovvero a far data dal 16 dicembre 2021) e debitamente sottoscritto dalle parti. Il contratto dovrà inoltre essere firmato con firma digitale dal legale rappresentante o dal procuratore dell’impresa e contenere, nel caso di acquisto di rimorchi o semirimorchi, l’indicazione del costo di acquisizione dei dispositivi innovativi di cui all’allegato 1 del D.M. 18 novembre 2021, n. 459.
  • b) la successiva fase di rendicontazione dell'investimento, nel corso della quale tutti i soggetti che hanno presentato domanda di prenotazione:

 

Fonte: Decreto 12 aprile 2022, n. 155, D.M. 18 novembre 2021, n. 459
2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua