L'articolo è stato letto 721 volte

facebook
twitter
0
linkedin share button

Iniziative imprenditoriali promosse da giovani

Stabiliti termini e condizioni per l'accesso al bando che sostiene l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali nei settori della produzione di beni fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, promosse da giovani mediante la concessione di finanziamenti agevolati a tasso zero di importo non superiore ad € 25.000,00.

La regione Liguria ha pubblicato il bando sulla misura 7.2 del Programma "Garanzia per i Giovani in Liguria" la cui finalità è quella di sostenere l’avvio di nuove piccole iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo, attraverso la concessione di finanziamenti agevolati a tasso zero, con programmi di spesa inclusi tra i 10.000 e i 25.000 euro (microcredito), senza interessi e non assistiti da alcuna forma di garanzia, concessi nel rispetto della regola comunitaria del “de minimis” ai sensi del Reg. (UE) 1407/2013 e coerentemente con la normativa nazionale in tema di microcredito di cui all’articolo 111, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 e ss.mm.ii.

La dotazione finanziaria del Fondo a valere sulle risorse del PON IOG è pari a 1.000.000,00 euro.

 

Di seguito sono riportate le indicazioni relative ai soggetti beneficiari, alle caratteristiche degli investimenti e alle modalità di finanziamento:

Soggetti beneficiari

Possono accedere ai benefici giovani Neet che, al momento della presentazione della domanda di agevolazione, abbiano aderito al Programma “Nuova Garanzia Giovani in Liguria” mediante registrazione al portale regionale https://adesioneyg.regione.liguria.it/ygweb/welcome ovvero al portale nazionale https://www.anpal.gov.it/garanzia-giovani, e siano in possesso dei seguenti requisiti obbligatori:

  • al momento della registrazione al Programma Garanzia Giovani avere un’età compresa tra 18 e 29 anni (29 anni più 364 giorni);
  • essere residenti nelle Regioni italiane, ammissibili all’Iniziativa per l’Occupazione Giovanile (IOG), e nella Provincia Autonoma di Trento;
  • essere disoccupati ai sensi dell’art. 19 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 150 e ss.mm.ii.;
  • non frequentare un regolare corso di studi (secondari superiori, terziari non universitari o universitari);
  • non essere inseriti in alcun corso di formazione, compresi quelli di aggiornamento per l’esercizio della professione o per il mantenimento dell’iscrizione ad un Albo o Ordine professionale;
  • non essere inserito in percorso di tirocinio curriculare e/o extracurriculare;
  • non avere in corso lo svolgimento di un progetto di Servizio Civile regionale (Misura 6 della Nuova Garanzia Giovani) o nazionale (Servizio Civile Universale), né di altra politica attiva regionale, nazionale o comunitaria.

Ai fini dell’ammissibilità della domanda di agevolazione, il soggetto richiedente, oltre ai requisiti obbligatori deve:

  • aver rilasciato la DID in qualità di disoccupato ai sensi del D.Lgs 150/2015 e ss.mm.ii. mediante registrazione al portale regionale MiAttivo https://miattivo.regione.liguria.it/miattivowebprod/welcome ovvero al portale nazionale https://myanpal.anpal.gov.it/myanpal/;
  • aver sottoscritto il Patto di Servizio Personalizzato nell’ambito della Garanzia Giovani attraverso presa in carico da parte del Centro per l’Impiego ligure di riferimento ovvero mediante presa in carico “centralizzata” attraverso il portale MyAnpal.

Le domande possono essere presentate dai giovani o in forma di: 

  • a) imprese individuali, società di persone, società cooperative, cooperative sociali, associazioni professionali e Società tra professionisti, costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive;
  • b) imprese individuali, società di persone, società cooperative, cooperative sociali non ancora costituite, a condizione che si costituiscano entro il termine di 60 giorni dalla data del ricevimento del provvedimento di ammissione;
  • c) lavoratori autonomi che svolgono attività professionale con partita IVA attiva e non movimentata da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda o da aprire entro il termine di 60 giorni dalla data di ricevimento del provvedimento di ammissione.

Le forme societarie ed associative sopra elencate, devono essere costituite da persone fisiche e avere sede operativa sul territorio della Regione Liguria.

In caso di impresa/società/associazione tenuta all’iscrizione in CCIAA o negli appositi registri o albi istituiti presso i competenti Organi di vigilanza, ma non ancora iscritta al momento della presentazione della domanda, la stessa dovrà risultare iscritta in CCIAA o negli appositi registri o albi, entro il termine di 60 giorni dalla data di ricevimento del provvedimento di ammissione.

Iniziative ammissibili 

Sono ammissibili le iniziative avviate successivamente alla data di presentazione della domanda riferibili a tutti i settori della produzione di beni fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, quali ad esempio:

Sono ammissibili le iniziative riferibili a tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, quali ad esempio:

  • Turismo (alloggio, ristorazione, servizi) e servizi culturali e ricreativi;
  • Servizi alla persona;
  • Servizi per l’ambiente;
  • Servizi ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione);
  • Risparmio energetico ed energie rinnovabili; Servizi alle imprese;
  • Manifatturiere e artigiane;
  • Imprese operanti nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, ad eccezione dei casi di cui all’art. 1.1. lett. c), punti i) e ii) del Regolamento (UE) n. 1407/2013;
  • Commercio al dettaglio e all’ingrosso.

Sono considerati ammissibili ad agevolazione gli interventi finalizzati alla creazione di nuove iniziative di lavoro autonomo e imprenditoriali. Non sono pertanto ammesse le iniziative che prevedono il rilevamento ovvero l’affitto di società già esistenti, ovvero l’ampliamento della stessa.

Esclusioni

Sono esclusi dai benefici:

  • i settori della pesca e dell’acquacultura, della produzione primaria in agricoltura, nonché, in generale, le attività che si riferiscono a settori esclusi dall’art. 1 del Regolamento (UE) n. 1407/2013
  • le attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco (ATECO 2007, Sezione R divisione 92).
Localizzazione

Gli interventi ammessi ad agevolazione devono interessare strutture operative ubicate nel territorio della Regione Liguria.

Agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse in forma di un finanziamento agevolato senza interessi, non assistito da alcuna forma di garanzia e si articolano, in particolare, in misure di microcredito, attraverso finanziamenti di durata pluriennale a tasso zero, di importo compreso tra 10.000,00 euro e 25.000,00 euro, da rimborsarsi in sette anni con rate trimestrali posticipate, incluso un preammortamento di 12 mesi.

 

Le domande di ammissione ad agevolazione dovranno essere inviate a decorrere dal giorno 8 settembre 2021 e sino ad esaurimento dei fondi disponibili.

 

Fonte: Avviso, F.I.L.S.E. S.p.A.

 

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua