L'articolo è stato letto 2831 volte
Nazionale • Veneto

facebook
twitter
0
linkedin share button

Ristori energia e gas per ceramica e vetro artistico: nuove domande

Al fine di contenere gli effetti negativi causati dalla pandemia e dagli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale, le imprese del settore della ceramica artistica e tradizionale e del vetro artistico di Murano potranno accedere ai contributi per il pagamento delle bollette del gas naturale e dell'energia elettrica.

Pubblicato oggi sul sito del Ministero delle Imprese e del Made in Italy il decreto ministeriale che stabilisce le modalità, i termini e i modelli di presentazione delle domande per accedere al “Fondo destinato alle imprese operanti nel settore della ceramica artistica e del vetro artistico di Murano”, implementato dall’articolo 1 commi 52 e 53 della legge di bilancio 197/2022 con una dotazione di 1,5 milioni di euro per l’anno 2023.

Si tratta di un sostegno a fondo perduto, destinato alle imprese con sede operativa nell’isola di Murano (Venezia) e che operano nei settori della fabbricazione del vetro e di prodotti in vetro (codice ATECO 23.1) o della ceramica artistica (codice ATECO 23.41), per contenere gli effetti negativi causati dal conflitto in Ucraina e dai conseguenti aumenti dei prezzi dell’energia elettrica e del gas naturale.

Sono ammissibili le spese non agevolate, o parzialmente agevolate, per superamento del plafond de minimis, relative alle bollette energetiche già oggetto di domanda di contributo per la misura di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico del 29 marzo 2022, oltre alle spese per bollette energetiche nel periodo compreso tra il 16 maggio 2022 ed il 31 agosto 2023 che non siano già state oggetto di agevolazione.

Dal 22 aprile 2023 e fino al 18 maggio 2023 potranno essere inviate al Ministero, con l’apposita modulistica, le domande relative alle spese già oggetto di istanza nel 2022 ma che non erano state finanziate, del tutto o in parte, per i vincoli imposti dal regime “de minimis”. Dal 30 giugno e fino al 20 settembre 2023 potranno invece essere trasmesse al Ministero le nuove domande.

 Sono ammissibili:

  1. le spese non agevolate, o parzialmente agevolate, per superamento del plafond de minimis, relative alle bollette energetiche già oggetto di domanda di contributo per la misura di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico del 29 marzo 2022
  2. nuove domande relative a spese per bollette energetiche nel periodo compreso tra la pubblicazione del decreto del Ministro dello sviluppo economico del 29 marzo 2022 (avvenuta il 16 maggio 2022 sul sito del Ministero) ed il 31 agosto 2023, che non siano già state oggetto di agevolazione.

 

Fonte: Decreto 20 aprile 2023, Decreto 13 maggio 2022, Decreto 29 marzo 2022

 

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua